Image Image Image Image Image
Scroll to Top

To Top

Select a Page:
More Info
Read More

Queens – Mostra fotografica di Walter Passarella a La Pila di Sartirana Lomellina. Walter Passarella’s Photography Exhibition

Lo scorso sabato (19.10.2013) è stata inaugurata una mostra di un’artista ben noto al sito GalKINO – Walter Passarella.

Un anno di lavoro dell’artista, tantissime fotografie scartate, scelte e ri-scelte per arrivare in una location suggestiva e per nulla scontata – La Pila srl.

Questi sono gli orari della mostra:

  • Domenica 20 ottobre ore 10:00 – 19:00
  • Venerdì 25 ottobre ore 10:00 – 19:00
  • Sabato 26 ottobre ore 10:00 – 19:00
  • Domenica 27 ottobre ore 10:00 – 19:00

Durante l’inaugurazione è stato realizzato un breve video che apre una piccola finestra sulla mostra e cerca di scoprire il significato che Walter ha voluto trasmettere attraverso un percorso offerto ai visitatori.

Guardate pure il video, ma non mancate di andarci di persona. Avrete modo di incontrare l’artista di persona e scoprire molte più cose!

 

Due storie. Una donna. La Donna.
Che si confronta con due temi forti: la religione e la morte.
La donna è al centro dei lavori presentati da Walter Passarella, con riguardo soprattutto alla sua spiritualità.
Una spiritualità, sembra raccontarci l’artista, particolarmente elevata, non fine a se stessa, ma universale, della quale imparare a diventare parte integrante.
Incontriamo il desiderio della donna di partecipare alla vita religiosa non solo da spettatore, ma da protagonista attiva, ruolo questo che è però proibito al genere femminile fin dagli albori. Forse. Un desiderio che la spinge a cercare di conquistarsi da sola questo ruolo attivo che le è proibito, fino a comprendere che di quel ruolo, in fondo, non ha bisogno, che non la appaga, perché la vera spiritualità va cercata dentro se stessi, nel più profonfo io, dove avviene la vera ed unica Comunione con Dio, di cui noi siamo parte integrante.
Il secondo tema, la Morte, è soggetto femminile, senza nome proprio, dai mille volti e senza volto. Lei sempre così odiata da chiunque, come in una favola, desidera acquisire la corporeità di una giovane ragazza e di placare così la sua sete di fisicità e di identità propria. Per fare questo, ne usa il sangue, molte volte nella storia fonte di grandi tabù, ma anche indicato come il vero Santo Graal. Ma questo non le porta alcun giovamento, anzi la trasporta in una nuova dimensione, dove non serve più la tanto agognata fisicità.
Le serie di fotografie sono accompagnate da dieci gigantografie, che ampliano e risaltano il discorso, inquadrando la donna nei vari aspetti della sua condizione e del suo ruolo sociale. A coronare il tema, due installazioni: una a rappresentare una religiosità artificiosa ed inutile, con una donna pronta a librarsi vero la vera spiritualità; l’ altra a mostrare una “Donna Morte” che abbandona tutti gli inutili e falsi stereotipi a lei attribuiti.
Un pensiero, un personale punto di vista, che l’artista, lungi dal volere imporre, desidera rendere fruibile a chiunque attraverso il mezzo fotografico, che sente a lui più consono di quello pittorico.

Visitate anche il sito internet di Walter Passarella

 Submit a Comment 

15 + 16 =